fbpx
Connect with us

News

Acquisizione di Game Freak da parte di Nintendo: quanto gioverebbe al brand Pokémon?

Published

on

Acquisizione di Game Freak da parte di Nintendo: quanto gioverebbe al brand Pokémon? 1

Da qualche giorno non si parla d’altro. Una serie di eventi stanno portando fan ed esperti a parlare della presunta, imminente, acquisizione di Game Freak da parte di NintendoQuanto c’è di vero in tutto ciò? Ma soprattutto, il controllo diretto della grande N gioverebbe al brand Pokémon in ambito videoludico? Ricostruiamo la catena di eventi che ha portato a queste speculazioni.

Nintendo ”cambia casa” a Tokyo

Acquisizione di Game Freak da parte di Nintendo: quanto gioverebbe al brand Pokémon? 2

Il primo evento scatenante le prime speculazioni è un annuncio datato Dicembre 2019, in cui Nintendo annuncia un cambio di location per i suoi uffici di Tokyo, senza però togliere lo status di ”sede principale” agli uffici di Kyoto. Precisamente, il presidente Shuntaro Furukawa ha avvallato l’idea di riunire i 4 uffici sparsi per la capitale del giappone, in un unico stabile nel quartiere di Kanda. Detto fatto, Nintendo ha occupato l’ottavo, il ventesimo e il ventunesimo piano di questo stabile, riunendo tutti i team di Tokyo.

La motivazione ufficiale, data dal presidente, è proprio la volontà di avvicinare tutti i team per aumentarne l’efficienza operativa. In effetti questa mossa permette a Nintendo di poter far lavorare a stretto contatto tutti i suoi dipendenti, in modo da generare una collaborazione totale per tutte le sue ip. Non scordiamo che da uno di questi team è stato partorito Super Mario Odyssey, e la volontà della società di fornire ancora più supporto per lo sviluppo dei suoi titoli può solo che fare piacere a noi fan.

Game Freak e Nintendo nuovi ”vicini di casa”

Acquisizione di Game Freak da parte di Nintendo: quanto gioverebbe al brand Pokémon? 3

La seconda notizia, rimbalzata da pochissimi giorni, ha definitivamente messo la pulce nell’orecchio a tutti i fan ed esperti del settore. Curiosamente, in un rapporto del 31 Gennaio su Nikkei, anche Game Freak annuncia un trasferimento di sede, precisamente nello stesso edificio occupato dai team Nintendo. Sarà molto probabile che i creatori del brand Pokémon andranno proprio ad occupare uno dei tre piani acquisiti dalla grande N, lavorando a braccetto coi suoi dipendenti. 

La bomba sembra ormai esplosa. Questa catena di eventi sta già facendo parlare molto di sé, anche se di ufficiale non c’è proprio nulla. Al momento si sa solo che le due case si sono terribilmente avvicinate, nel senso fisico del termine, e che presumibilmente, lavoreranno più a stretto contatto. Ma ci sarà davvero il passo ufficiale dell’acquisizione di Game Freak da parte di Nintendo?

Il brand Pokémon nelle mani di Nintendo, porterà realmente dei benefici?

Acquisizione di Game Freak da parte di Nintendo: quanto gioverebbe al brand Pokémon? 4

Entrare nel campo delle speculazioni è sempre un rischio. Senza avere nulla di ufficiale tra le mani si possono solo fare congetture facilmente smentibili dai diretti interessati. Ma vale la pena porsi qualche domanda in merito. Questo avvicinamento dei due uffici è davvero un reale segno di imminente acquisizione? Tutto porterebbe a pensare di sì, ma c’è un caso che potrebbe smentire il tutto. Lo Studio Monolith Soft, creatore della saga di Xenoblade, ha anch’esso recentemente annunciato un imminente spostamento dei suoi uffici a Tokyo, proprio nella famosa area del quartiere di Kanda, che dev’essere proprio un bel posto per lavorare visti i tanti trasferimenti. Questo però non ha alimentato alcuna voce sulla possibile acquisizione anche di questo studio da parte di Nintendo, senza far alzare alcun polverone.

Che le asprissime polemiche riguardo Spada e Scudo abbiano un po’ influenzato queste voci? A primo impatto tutti abbiamo pensato al fatto che questo possa solo giovare al brand, soprattutto dal lato dei videogiochi. Anche se, a mente fredda, chi vi scrive non riesce a capire il come tutto ciò possa avvenire. A Game Freak servono più fondi? Un po’ difficile pensare che i problemi della casa che ha inventato il brand più redditizio al mondo possa avere problemi di budget. Serve più personale? Molto probabilmente sì, ma così come per la questione del budget, Game Freak avrebbe tutte le facoltà di aumentare il suo personale in qualsiasi momento, ma sembra che si trovi più a suo agio a lavorare con un team abbastanza contenuto.

Cosa porterebbe davvero l’acquisizione di Nintendo? Cosa potrebbe dare una delle case produttrici più prolifiche della storia? Più di tutto andrebbe a portare nuove idee. A parere di chi scrive, questo è l’unico valore aggiunto davvero utile per le sorti del brand Pokémon. Una casa produttrice che ha saputo trasformarsi negli anni, guardare al gusto del pubblico e avere il coraggio di stravolgere saghe all’apparenza intoccabili, Mario su tutte, può davvero prendersi la responsabilità di reinventare un brand che fino ad oggi ha fatto della tradizione il suo punto cardine ma, seppur con record di vendite, sta iniziando a far mugugnare sempre più appassionati, rischiando di perdere una grossa fetta di pubblico, soprattutto i fan della prima ora, per strada.

E voi cosa ne pensate? Credete a queste voci? O pensate che Game Freak non vorrà mai cedere il controllo del proprio brand? Fatecelo sapere scrivendoci sui social. Mentre aspettate ulteriori sviluppi sulla vicenda, tenete d’occhio il sito per tante nuove news a tema Nintendo e Pokémon. Un saluto da Pokéuomo.

Cresciuto a pane e PlayStation fin dalla tenera età. Profondamente legato a saghe come Assassin's Creed, Kingdom Hearts e Pokémon. Altro forte interesse è la musica. Da anni ormai entrato nel tunnel senza uscita del Binge Watching di Serie TV.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Facebook

Popolari