fbpx
Connect with us

Nintendo

Super Mario: L’icona del Videogioco

Published

on

Super Mario: L'icona del Videogioco 1
Prev1 of 2
Use your ← → (arrow) keys to browse

Si sa, ognuno di noi possiede una sua inconfondibile identità, che lo differenzia da tutti gli altri uomini. Questa unicità che ci contraddistingue è costituita, oltre che dalla nostra personalità, anche dai nostri interessi e dalle nostre passioni. Ad alcuni interessa lo sport, ad altri magari piace leggere, altri ancora sono appassionati di cinema. Ognuno, in virtù dei suoi peculiari interessi acquisisce quindi una serie di conoscenze nel settore che più lo coinvolge mentre magari non avrà modo di conoscere pienamente ciò che non gli desta alcun interesse.  Ad esempio, un appassionato di calcio conosce i nomi dei giocatori della sua squadra del cuore, mentre un intenditore di cinema è a conoscenza dei nomi dei registi e degli attori dei suoi film preferiti.

Tuttavia alcuni di questi nomi sono stati così fondamentali nel loro settore, che oramai sono entrati a far parte della cultura generale e che tutti hanno perlomeno sentito nominare almeno una volta, anche coloro che non ne sono appassionati.  E anche nell’ambito dei videogames esistono parecchie figure conosciute ma solo una è l’icona per eccellenza del gaming in tutte le sue sfaccettature: stiamo parlando di Super Mario.

Questa lunga introduzione lascia poco alle interpretazioni: questo è il documentario sull’evoluzione di uno dei capisaldi del mondo dell’intrattenimento virtuale.

Super Mario: L'icona del Videogioco 2

Un po’ di storia!

Le origini dell’idraulico di casa Nintendo si collocano nel lontano 1981 quando un giovane Shigeru Miyamoto stava progettando un videogame con protagonisti i personaggi del cartone animato Braccio di Ferro, molto in voga all’epoca. Per nostra fortuna ci furono delle complicazioni con i diritti dei personaggi in questione, perciò per non scartare l’intero suo progetto, lo sviluppatore decise di creare dei suoi personaggi: Jumpman, Donkey Kong e Pauline. Jumpman fu il primo tassello posizionato nel posto giusto per lo sviluppo di un fenomenale puzzle: quello dell’incredibile successo di Super Mario

È abbastanza ironico il motivo per cui Jumpman abbia assunto il nome di Mario. Infatti, la sede americana di Nintendo non era a conoscenza del fatto che il nome provvisorio che i giapponesi gli avevano attribuito era Mr.Video. Così lasciandosi ispirare dalla somiglianza con il proprietario dello stabile di Nintendo of America, l’italiano Mario Segale, decisero di chiamarlo allo stesso modo.

 

Super Mario: L'icona del Videogioco 3

 

Dal gioco Mario Bros in poi questo divenne il suo nome ufficiale, e cambiò lavoro diventando idraulico.

A seguito del successo dell’arcade venne lanciato sul mercato Mario Bros, gioco che avrebbe ispirato il vero e proprio capostipite del genere platform. Nel 1985, uscì infatti, l’acclamato Super Mario Bros, per la prima home console di Nintendo ovvero il Nes o, in giappone il Famicom. Questo gioco fu una vera e propria rivoluzione, non solo perchè Mario poteva acquisire dei poteri unici ma soprattutto perchè i livelli di gioco divennero più dinamici grazie allo scorrimento orizzontale da sinistra a destra. Ciò che affascinava maggiormente i giocatori dell’epoca era la possibilità di viaggiare in un mondo fantastico composto da ambientazioni uniche e ben ispirate e da nemici dalle forme più assurde, con l’obbiettivo finale di salvare la principessa. 

Il gioco non eccelleva di certo per la sua trama dato che era una delle più banali in assoluto. Ma bisogna fare attenzione! Era il gameplay a rendere questo gioco uno spettacolo agli occhi dei videogiocatori di fine anni ottanta. La formula del gameplay di Super Mario bros funzionava così bene che Miyamoto-sensei decise di riproporla negli anni avvenire, con il fortunato Super Mario bros 3 e successivamente con quel capolavoro di Super Mario world per Super Nintendo. Questo ultimo gioco era un qualcosa di sensazionale, andava a perfezionare il gameplay già eccelso del primo Super Mario bros, introducendo gradite novità ad esempio la possibilità di cavalcare il fidato dinosauretto verde Yoshi. 

La febbre per l’idraulico baffuto di casa Nintendo crebbe ulteriormente nei primi anni 90’ con la pubblicazione del primo titolo per console portatile: Super mario Land, caratterizzato da una storia e da delle ambientazioni completamente nuove ed originali.

Ed ecco che negli ultimi anni del secolo scorso la sua apparizione un vero e proprio capolavoro che porta una ventata d’aria fresca nel regno dei funghi e che getta le basi per un genere che sarà molto in voga negli anni a venire: il platform in 3 dimensioni. Super mario 64 è l’esempio perfetto di un brand che evolve e che mantiene intatta l’essenza di sè, elevandosi ulteriormente e dimostrando tutte le potenzialità tecniche della propria console. Il gioco è fresco, divertente, profondo, calibrato, geniale e presenta un level design impeccabile e una grafica ai tempi fenomenale.

Shigeru miyamoto dirà questo del gioco

“La cosa fantastica di Mario 64 era il modo in cui Mario, per la prima volta in 3D, si poteva muovere liberamente. Era un concetto rivoluzionario e a un certo punto ho iniziato a pensare che quello che stavo creando non avrebbe necessariamente dovuto essere un gioco.”

 

Super Mario: L'icona del Videogioco 4

 

Il concetto di Super Mario in 3d evolve negli anni seguenti presentando idee del tutto nuove che rendono i giochi in questione assolutamente unici nel loro genere: ci si sta riferendo all’ esotico Super Mario Sunshine per Gamecube e dei geniali capitoli di Galaxy per Wii. L’universo di mario in questo ultimo decennio si è espanso a dismisura con i reboot dei capitoli in 2d, gli rpg con protagonista mario e il suo fifone fratello Luigi, i divertentissimi Mario Kart, i giochi sportivi, i party game e tutti i vari spin-off.

Terminiamo questo affascinante viaggio nella storia di Mario con i capitoli per Wii U e 3ds che offrono una diversa interpretazione dei mondi tridimensionali, con uno stile molto più vicino ai livelli lineari dei titoli in 2d. La pagina successiva di questa lunga storia è ancora da scrivere e il momento di farlo è arrivato. Nel frattempo continuate a seguirci, il viaggio è appena incominicato.

Prev1 of 2
Use your ← → (arrow) keys to browse

Siamo 4 ragazzi con la passione per il mondo Nintendo e i videogames in generale. Abbiamo anche un canale YouTube che ha lo scopo di diffondere la cultura della grande N!

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Facebook

Popolari