fbpx
Connect with us

Pokémon

Lega Pokémon Serie A: il meglio della sesta giornata!

Published

on

Lega Pokémon Serie A: il meglio della sesta giornata! 1

Turno ricco il sesto di campionato della Lega Pokémon Serie A, con non poche emozioni e vari bei gol da segnalare. Andiamo a vedere nel dettaglio le partite scelte da noi!

Lega Pokémon Serie A: le tre più belle della Sesta!

LECCE-ROMA: La Zuccata di Dzeko affossa i salentini

Lega Pokémon Serie A: il meglio della sesta giornata! 2

 

Al via del Mare di Lecce va in scena una partita che tutti si aspettavano scoppiettante, e che effettivamente non delude le aspettative che avevamo sulla Lega Pokémon Serie A. Anche se il risultato finale potrebbe farvi dubitare di ciò, Lecce-Roma è stata una delle partite più belle della giornata, e noi di Pokéuomo non possiamo che raccontarvela “mossa dopo mossa“!

I Salentini in casa si dimostrano una dura gatta da pelare per questa Roma, come quando affronti la palestra di Brock con Pikachu in Pokémon Giallo. I giallorossi della capitale, usciti sconfitti in settimana nella sfida contro l’Atalanta, iniziano a risentire di un po’ di fatica accumulata e partono in sordina, dando modo al Lecce di venir fuori con tanta qualità.

A salire in cattedra ci pensa Falco, che grazie a Minimizzato, riesce a sgusciare facilmente tra le linee difensive romaniste e servire abilmente i suoi compagni di merende, Mancosu e Babacar, che sembrano però spegnersi negli ultimi metri, abusando di Falsofinale che non permette ai salentini di andare in gol. Dall’altro lato del campo c’è però un altro piccoletto che sembra iniziare a brillare sempre più.

Justin Kluivert, figlio d’arte, sembra che in estate abbia imparato ad usare Lokomovolt. Sulla fascia è imprendibile per i leccesi, una saetta che spesso buca la difesa ma manca ancora della lucidità che serve per fare la scelta giusta sottoporta. Il primo tempo termina col Lecce in avanti ed una Roma costretta a ripiegarsi per evitare il gol.

Negli spogliatoi Mister Fonseca usa Ira, che sembra superefficace sui capitolini, tanto che la Roma che rientra in campo inizia a macinare gioco mettendo alle corde il Lecce, e la continua spinta giallorossa porta finalmente al Gol!

Cross al centro dell’armeno Mkhitaryan, che a Roma si gioca con Sirfetch’d il titolo di nome piú difficile da scrivere, che trova al centro il Golurk giallorosso Edin Dzeko pronto a sferrare una Zuccata che è superefficace sul portiere avversario. 1-0 Roma e inerzia della partita capovolta, giusto? Sbagliato!

L’evento clou di questo secondo tempo, più del gol, è il rigore concesso alla Roma per fallo di mano di un difensore leccese. Al dischetto si presenta lo specialista Kolarov che però subisce Ipnosi da Gabriel e si fa parare il rigore. Il portiere salentino si sta dimostrando un vero maestro nell’ipnotizzare l’avversario senza mai fallire, visto che in settimana è riuscito a parare anche un rigore ad Insigne prima che esso venisse ripetuto.

Il rigore parato rigira l’inerzia della partita a favore del Lecce, che inizia a non difendere più e a provarle tutte per pareggiarla, con la Roma che si difende a fatica e non riesce a sfruttare le enormi praterie lasciate dai leccesi per chiudere la partita.

La partita però termina 0-1, con tanto rammarico da parte dei salentini e ben più di un sospiro di sollievo per i capitolini, che dimostrano però di sapere soffrire e portare a casa il risultato al contrario delle scorse stagioni.

Parma usa TRIPLETTA e stende il TAUROS granata!

6° turno di serie A ricco di gol e spettacolo, che si conclude come meglio non potrebbe con il pirotecnico 3a2 tra Parma e Torino! Emiliani che sono alla seconda vittoria consecutiva, nonostante abbiano mostrato una notevole CONFUSIONE sotto porta. Chissà che non possano essere loro la vera sorpresa del campionato, una volta trovata la giusta CONCENTRAZIONE! Alti e bassi per il Toro, invece, con la panchina di mister Mazzarri che trema come se avesse subìto TERREMOTO! Riuscirà ad arrivare al proverbiale panettone?

Chissà. Ma veniamo alla partita! Match ricco di episodi e ribaltoni, che vede le danze aperte dal talentino Kulusevski, abile ad inserirsi in area con L’AGILITÀ DI UN RATTATA e ad approfittare dell’assist a porta vuota fornito dal solito Gervinho. Pronta la risposta del Toro: si riporta in pari con Ansaldi che, sul cross al bacio del redivivo Verdi, ha il tempo di prendere la mira e usare CAPOCCIATA, battendo un incolpevole Sepe.

Troppo solo l’esterno granata, che spunta alle spalle della difesa ducale come se avesse usato FOSSA! 1a1, palla al centro. Il Parma torna a spingersi nella metà campo avversaria sempre con un po di CONFUSIONE, che però risulta utile quando un tiro del solito Kulusevski carambola sul braccio di Bremer, troppo largo per essere in area piccola. Seconda ammonizione per il difensore, che si accomoda negli spogliatoi mentre Gervinho va sul dischetto.

Furbo Sirigu che usa Ipnosi e para facilmente il tiro pigro dell’attaccante ivoriano, che dimostra di non essere uno specialista. Lo é, eccome, il Gallo Belotti invece, che su un capovolgimento di fronte si guadagna e trasforma il penalty, tirando una BOTTA imparabile alle spalle di Sepe.

Torna a crederci il Torino, sul 2a1 e con l’uomo in meno. Ma le speranze granata durano solo 5 minuti, perche il mister D’Aversa usa RIMONTA dalla panchina e i suoi ragazzi tornano in parità poco dopo grazie alla MARCIAINPIÙ di uno straripante Kulusevski, che pesca (grazie al SuperAmo??) in area Cornelius e lo manda in rete per il 2a2. Si chiude un primo tempo pirotecnico e ricco di emozioni che vede il Toro in 10 uomini, ma ancora combattivo. Nella ripresa i ritmi risultano piu contenuti e sono da segnalare un paio di belle parate di entrambi i portieri (su Gervinho e Izzo) e la traversa colpita da Hernani, di testa.

É evidente come le squadre siano ormai a corto di stamina e tutto fa pensare che ci si possa accontentare di un comodo pareggio, ma al minuto 88 il solito Gervinho trova le energie (avrà usato BACCA?) necessarie per un ultimo guizzo! Con un EXTRARAPIDO semina Nkoulou e Laxalt sulla fascia destra e la butta in mezzo, dove a raccogliere c’é nientemeno che “Bobby English” Inglese, che non si fa pregare e insacca il gol del vantaggio e della vittoria.

Proprio lui, che la scorsa giornata aveva sbagliato il rigore del possibile vantaggio sul Sassuolo, riesce a regalare 3 punti fondamentali alla sua squadra nonostante abbia giocato solo 15min e con 39 di febbre. Lo avevamo ipotizzato nella scorsa puntata e, a maggior ragione, lo ribadiamo ora: che sia finalmente ora di vedere esplodere tutto il talento del buon Inglese? TO BE CONTINUED….

 

SASSUOLO- ATALANTA
Atalanta usa Furia: Sassuolo colpito 4 volte!

Lega Pokémon Serie A: il meglio della sesta giornata! 3

Partita vivace e dal risultato affatto scontato fra due ex sorprese di Serie A. I neroverdi non avevano, sinora, mai perso in casa, mentre i bergamaschi si confermano un vero e proprio Rotolamento alla Miltank in trasferta.

Dopo soli 13′ Papu Gomez si beve un Velocità X insieme a tutta la difesa del Sassuolo e batte Consigli con un tocco leggero. Più manovrato l’azione successiva, con Ilicic che mette Gosens in porta, e l’esterno non sbaglia. Gomez si dimostra più vorace di uno Snorlax ed insacca il 3 a 0 su assist di Zapata, quest’ultimo marca poco dopo il 4 a 0. Sassuolo irriconoscibile a dir poco, roba da Getto d’Involuzione.

Cambia poco nel secondo tempo con il Sassuolo che riesce a segnare il gol della bandiera con Defrel, ma De Zerbi ha davvero poco per cui rincuorarsi.
Atalanta sempre più protagonista della stagione, riprendendo al meglio quanto fatto nella precedente, Sassuolo con ben più di qualcosa da registrare ed un Ciccio Caputo a cui i 90′ in panchina possono solo essere andati stretti.

Alessandro è un ragazzo del '91 originario della Basilicata. Cresciuto a pane e Gameboy, è stato sempre supporter di mamma Nintendo. Appassionato di Pokémon e tecnologia, ama seguire tutte le novità riguardanti Switch e ciò che verrà in futuro.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Facebook

Popolari