fbpx
Connect with us

Pokémon

10 Storie di Pokémon Inaspettatamente Terrificanti!

Published

on

10 Storie di Pokémon Inaspettatamente Terrificanti! 1

Halloween è arrivato anche quest’anno cari lettori, e i fan Pokémon di tutto il mondo si stanno preparando a festeggiarlo intagliando zucche a forma di Pumpkaboo, illuminando le stanze con tante candele simili a Litwick, decorando le proprie case con finte ragnatele di Ariados e con ogni genere di addobbi lugubri e spettrali!

Una tradizione durante questa festività è quella di raccontare brevi storie del terrore che di solito hanno come protagonisti sventurati Allenatori e dispettosi Pokémon di tipo Spettro. Tutti conoscono le storie del Cofagrigus divora-uomini, dell’Allenatore che perdendosi nella foresta divenne un Phantump e del Drifloon che fece sparire innumerevoli bambini portandoli con sé in cielo… e per questo vogliamo proporvi qualcosa di più originale, ma ugualmente spaventoso!

In questo speciale articolo a tema Halloween, noi di Pokéuomo vi vogliamo raccontare ben dieci brevi storielle con protagonisti Pokémon non convenzionali, ispirati dalle loro descrizioni del Pokédex più creepy!

10 – Spoink: un cuore fin troppo tenero

pokémon creepy #10

Si dice…Che nei meandri del bosco Petalo, viva un gruppo di Spoink particolarmente sofferenti per la propria condizione di vita, che allena i propri poteri psichici contro ignare vittime che hanno avuto la sola colpa di addentrarsi nel loro territorio.

Fate attenzione quando passeggiate in piena notte nel bosco. Tra Coleotteri e Zigzagoon potrebbero nascondersi loro, che osservano tutti i vostri movimenti e si preparano all’allenamento. Quando vi sarete trovati nella zona più oscura del bosco, essi salteranno fuori e combineranno i loro poteri per costringervi a saltellare, proprio come fanno loro.

Saltellerete per ore ed ore, per compiacere la loro sadica sete di allenamento. La vostra mente e il vostro corpo cederanno per gli sforzi, e solo allora capirete l’inumana condizione che vivono questi Pokémon. Loro non si fermeranno con queste barbarie finché tutti non diventeranno dei Grumpig, ponendo fine alle loro e alle vostre sofferenze.

Spoink rimbalza come una molla sulla coda. Il colpo ricevuto dal rimbalzo gli fa battere il cuore. Di conseguenza, non può mai smettere di saltellare, altrimenti il suo cuore smette di battere.” – Zaffiro

 

9 – Victreebel: profumo dolce come il fiele

pokémon creepy #9

Si dice… che bisogna stare ben lontani dal Bosco Smeraldo se questo inizia a profumare improvvisamente di miele. È risaputo da tutti gli abitanti di Kanto che quell’odore è sinonimo di grossi guai, ma questo gli Allenatori di altre regioni non possono certo saperlo, e molti sono coloro che si addentrano nel bosco attirati dal dolce aroma, senza più fare ritorno.

Questi vagano per ore ed ore, finendo inevitabilmente per perdersi tra i fitti alberi, fino a quando non si imbattono in un lungo vaso giallo coperto di foglie e liane: all’interno di questo luccica un liquido ambrato, la fonte dell’inebriante profumo. Affamati dopo il lungo errare, si sporgeranno sul bordo del vaso per giungere al miele, e solo allora Victreebel si animerà, inghiottendoli in un sol boccone.

La morte per gli sventurati Allenatori sopraggiunge in pochi secondi: essi vengono corrosi da un potentissimo acido dall’odore zuccherino, capace di far scomparire qualsiasi residuo organico… giusto in tempo per l’arrivo della prossima ignara vittima.

Il suo acido si fa più dolce dopo avervi dissolto molte prede. Così attrae nuove prede ancora più facilmente.” – Oro

8 – Drampa: il giustiziere di Alola

pokémon creepy #8

Si dice… che un vecchio detto di Alola reciti: “Essere amico di un Drampa è una benedizione per sé, ma una maledizione per gli altri.” Questo Pokémon è una creatura estremamente premurosa nei confronti di chi gli è amico, e tende a sviluppare teneri rapporti soprattutto con i bambini che, non lasciandosi intimorire dal suo aspetto, giocano con lui.

Ma questo vecchio Drago dall’animo gentile ha un lato estremamente brutale, che tende a venire a galla quando i suoi amici indifesi vengono anche solo minimamente maltrattati o derisi. Tanto sensibile quanto vendicativo, non gli serve sapere da loro chi è stato a compiere il misfatto, il suo istinto gli dice con esattezza chi deve punire.

Esso, benché consumato dalla rabbia, non attacca mai gli umani direttamente, ma abbatte la sua ira sulle loro preziose dimore, bruciandole fino a ridurle in cenere. Sebbene i suoi attacchi non siano diretti questo non vuol dire che nessuno sia mai morto a causa di Drampa, anzi: il Pokémon è estremamente intelligente, e tende ad attaccare di notte quando le persone dormono e quindi non possono né difendersi né fuggire, circondando la casa da un anello di fiamme roventi dal quale è impossibile scappare, e che nessun attacco di tipo Acqua può domare.

La scena del crimine può bruciare per giorni rilasciando nell’aria un odore di carne bruciata nauseabondo. Tutti sanno che dietro quel tipo di tragedie c’è un Drampa, e che dietro quel Pokémon c’è un bambino che una volta ricollegato alle vittime dell’incendio punitivo, verrà costretto a lasciare l’arcipelago per evitare di mettere in pericolo altri abitanti di Alola

“Se i bambini con cui ha fatto amicizia vengono maltrattati, cerca la casa dei responsabili e la riduce in cenere.” – Ultrasole

7- Bewear: anche un abbraccio può essere fatale

10 Storie di Pokémon Inaspettatamente Terrificanti! 2

 

 

Si dice… che per molti anni nella regione di Kalos si sia esibito un Circo Pokémon. Non era tra i più conosciuti, ma prometteva sempre spettacoli unici nel loro genere grazie a degli abili e coraggiosi Addestratori e ai loro temibili quanto talentosi Pokémon.

Il Circo era principalmente conosciuto per i pericolosi Pokémon che si esibivano, tra i Pyroar saltavano nei cerchi di fuoco e i Krookodile capaci di spaccare blocchi di granito con le fauci, ma l’attrazione principale di questo era senz’ombra di dubbio il gigantesco Bewear proveniente dalla regione di Alola.

Esso era il vanto del Circo: ci erano voluti mesi, molti Addestratori e un bel po’ di maniere forti per addomesticare quella bestia, ma alla fine lo avevano reso docile ed inoffensivo come un peluche, tanto da poterlo addirittura abbracciare rimanendo illesi, una cosa pressoché impossibile da fare vista la forza sovrumana e difficile da controllare della sua specie. Ma non si dovrebbe mai peccare di superbia, pensando di essere in grado di modificare la natura di un Pokémon. Non è mai certo che questi, anche se addestrati, rimangano mansueti, soprattutto se vengono punzecchiati e convinti ad esibirsi quasi ogni sera.

Fatto sta che quel Bewear fece uno spettacolo di troppo: dopo anni di luci accecanti, risate assordanti e continue acrobazie forzate ne ebbe abbastanza. Qualcosa nel suo cervello scattò, quindi una sera uscì dalla sua gabbia piegando le sbarre come se fossero di burro, e con aria amichevole si diresse verso i vari addestratori a zampe aperte, fingendo di voler un abbraccio. Ignari del pericolo, gli Addestratori vennero uno ad uno stritolati da Bewear: le loro spine dorsali venivano rotte, i polmoni si riempivano di sangue e le urla strazianti erano soffocate dalla sua morbida pelliccia.

I cadaveri degli Addestratori furono trovati molti giorni dopo dalla Polizia Internazionale: i corpi oramai putrefatti giacevano accatastati l’uno sull’altro con le schiene spezzate e piegate in maniera innaturale, accanto alla gabbia vuota e sfasciata che per tanto tempo era state la triste dimora del Pokémon circense, ora finalmente libero.

“Questo Pokémon ha l’abitudine di abbracciare i suoi compagni. Molti Allenatori sono passati all’altro mondo dopo che le loro spine dorsali sono state disintegrate dal suo abbraccio.” – Luna

6- Gorebyss: aspirante killer o killer aspirante?

pokémon creepy #6

Si dice… che il mare di Hoenn sia il più bello del mondo Pokémon, e allo stesso tempo il più pericoloso: non è inusuale per i Nuotatori essere attaccati da feroci Sharpedo, territoriali Walrein e mordaci Huntail. Eppure esiste una baia nascosta di cui nessuno è a conoscenza, dove ci si può fare il bagno senza paura: questa infatti è abitata solamente da amichevoli Gorebyss, e per qualche motivo sconosciuto, l’acqua è rosa!

Una Nuotatrice stava esplorando i percorsi marini quando si imbatté in questo angolo di paradiso, e non ci pensò due volte a farsi una bella nuotata. Era a pochi metri dalla riva quando vide avvicinarsi un’incantevole banco di Gorebyss: i Pokémon si avvicinarono giocosi, schizzandola con l’acqua e dandole piccoli colpetti coi musi appuntiti. La Nuotatrice si stava divertendo così tanto che non si accorse del neppure che questi le stavano perforando la pelle. Rideva solleticata dai becchi dei Gorebyss, ora conficcati come cannucce nel suo addome. Guardava i loro occhi vitrei sempre più stanca, debole e leggera: la stavano dissanguando avidi senza che lei se ne accorgesse.

Il banchetto dei Pokémon si concluse in pochi minuti, e mentre questi si dileguavano nelle profondità della baia, il corpo della Nuotatrice affondava, vuoto, e gli ultimi rivoli di sangue rimasto in lei tingevano l’acqua di rosa…

Nonostante Gorebyss sia il ritratto dell’eleganza e della bellezza in nuoto, è anche molto crudele. Quando scova una preda, la perfora con il muso appuntito e la dissangua totalmente.” – Zaffiro

5- Shedinja: il catino di anime

Pokémon creepy 5

Si dice… che nei pressi della Grotta Mutevole, meta di Allenatori in cerca dei Pokémon più forti e rari, possano capitare degli eventi sinistri e sparizioni improvvise. In pochi sono sopravvissuti a questi macabri eventi, e ancora meno hanno avuto il coraggio di raccontare.

Se non si è particolarmente fortunati, addentrarsi nella Grotta Mutevole in cerca di Pokémon potrebbe essere l’ultima, nefasta, decisione che un Allenatore possa prendere. La bramosia della ricerca di creature potenti oscura l’animo, e un animo corrotto attira una vecchia donna dal sorriso sinistro e un oscuro segreto. Attira i malcapitati promettendogli il Pokémon più potente di Hoenn, ma li conduce davanti ad un essere immobile, senza vita, senza anima, che brama quella degli altri. Uno Shedinja avido di anime corrotte che, inesorabilmente, strappa via l’anima e la vita del malcapitato, compiacendo la sua padrona.

Il corpo coriaceo di Shedinja non si muove neanche di un millimetro. In realtà sembra quasi un guscio vuoto. Si dice che questo Pokémon rubi lo spirito di chiunque osi spiare dentro il suo guscio.” – Rubino

4- Glalie: un agghiacciante metodo di corteggiamento

Pokémon creepy 4

Si dice… che ad Alola, sul Monte Lanakila, viva una principessa Froslass molto ambita dai Glalie del posto. Tanto desiderata da fare follie per lei. Chi si avventura sul monte senza le adeguate precauzioni, potrebbe incorrere in una delle morte più atroci che si possano immaginare.

La principessa Froslass richiede dei gesti estremi da parte dei suoi spasimanti. Dei sacrifici. Sacrifici umani. I Glalie, innamorati ed ipnotizzati dalla sua macabra bellezza, iniziano una crudele caccia al Montanaro, ignaro del pericolo a cui va incontro. Il loro alito gelido si posa sull’Allenatore, congelando ogni fibra del suo corpo fino alla paralisi completa. Al cospetto della principessa si consuma il sanguinoso sacrificio per stabilire chi sia degno di stare al suo fianco, ma ella non è mai soddisfatta, alimentando sempre più questo rituale di morte.

Glalie ha la capacità di sfruttare il ghiaccio a suo vantaggio. Ad esempio riesce a congelare il nemico all’istante. Dopo averlo immobilizzato nel ghiaccio, se lo mangia con gusto e in tutta calma.” – Zaffiro

3- Cacturne: una pianta grassa particolarmente pericolosa

Pokémon creepy #3

Si dice… che per gli avventurieri dei deserti del mondo Pokémon, vedere dei cactus sia peggio di restare senza acqua. Numerose sono le storie di scomparse improvvise dovute a sinistri avvenimenti collegati al deserto e alla figura dei Cacturne.

Se vi capita di trovarvi in un deserto, guardatevi bene intorno. Se notate sempre degli strani cactus che sembrano seguirvi, non pensate sia un miraggio, perché potrebbero essere l’ultima cosa che vedrete prima di sparire per sempre. Essi sono Cacturne particolarmente sadici, che si divertono a seguire i poveri malcapitati e a fare di tutto per far perdere loro l’orientamento.

Quando il povero avventuriero si ritroverà da solo in mezzo al deserto, stanco, senza viveri, e senza possibilità di difendersi, essi agiranno. Il loro divertimento consiste nel seppellirlo nella sabbia fino al capo, per poi restare lì, immobili, a guardarlo finché la morte non sopraggiunge. Dopodiché completano l’opera donando interamente i resti al deserto, seppellendolo per sempre sotto una tomba di sabbia che mai nessuno potrà trovare.

Se un viaggiatore passa attraverso il deserto nella notte tenebrosa, un gruppo scomposto di Cacturne lo segue. Poi attende pazientemente che il malcapitato sia esausto e incapace di muoversi.” – Zaffiro

2- Sliggoo: amico, nemico… o pranzo?

Pokémon creepy #2

Si dice… che Sliggoo fosse uno dei Pokémon più regalati dalle madri ai propri bambini. I suoi colori, la sua morbidezza e l’aspetto buffo lo facevano amare da questi ultimi, che si divertivano a pasticciare col suo particolare slime. Questo fino a recenti macabri casi di sparizione di bambini in circostanze misteriose.

Gli Sliggoo possono essere tanto adorabili quanto spietati, soprattutto quando si tratta di nutrirsi. Quando sono troppo affamati non riescono più a riconoscere gli amici dai nemici, ed avere prede così piccole e indifese a portata di mano li cambia radicalmente. Il loro slime diventa tossico, un vero e proprio acido che scioglie tutto per farne sostanze nutritive.

Molti casi di bambini scomparsi al parco, spariti dal proprio letto o semplicemente persi di vista e mai più ritrovati dalle proprie madri, hanno un unico comune denominatore, la presenza di uno Sliggoo nei paraggi della tragedia.

A volte non riesce a distinguere bene le prede dagli amici, e se ha fame, può capitare che cerchi di sciogliere un alleato per mangiarselo.” – Sole

1- Parasect: il patient-zero del mondo Pokémon

pokémon creepy #1

Si dice… che ad Alola ci sia una particolare forma di Parasect di cui nessuno vuole far sapere l’esistenza per le grosse preoccupazioni che può portare a tutta la popolazione. Un Parasect con una particolare mutazione del fungo che riesce ad agire anche sull’uomo.

La simpatica e accogliente Alola cerca in tutti i modi di nascondere un segreto macabro, che porterebbe solo panico ed enormi problemi per l’arcipelago, ma non si può nascondere proprio tutto. Sono sempre più frequenti avvistamenti notturni di persone che vagano per i sentieri di Alola senza meta e con un atteggiamento claudicante.

Più vi avvicinate a loro, più potrete sentire un odore acre, di carne putrefatta, che potrebbe già farvi capire in cosa vi siete imbattuti. Avvicinandovi sempre più, con l’aiuto del chiarore lunare, potrete notare i loro occhi vitrei, udire i loro gemiti, guardare le loro lugubri facce. Scappate. Il fungo vuole costantemente carne fresca.

La parte essenziale di questo Pokémon, praticamente morto, è costituita dal fungo sulla sua schiena. Se si stacca, non può più muoversi.” – Ultrasole

 

Allora? Voi credete a queste storie? Quali vi ha fatto accaponare la pelle? Fatecelo sapere commentando i post dei nostri social e vi ricordiamo di visitare il nostro sito per altri spaventosi articoli a tema Halloween, un saluto da Pokéuomo!

Ciao! Ho 19 anni, sono una neodiplomata in attesa di andare all’università a studiare giapponese ed economia, per poi lavorare un giorno nella terra del Sol Levante! Mi sono appassionata a Pokémon quando avevo 9 anni, e da allora molti dei miei successi personali ed obiettivi professionali rivolvono attorno a questo fantastico gioco! Shiny-hunter compulsiva, giocatrice di VGC a tempo perso e da oggi autrice per PokéUomo: piacere di conoscervi, sono Rachele!

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Facebook

Popolari